Il Bonus giovani under 36 è compatibile con il bonus mobili?

Proprio ieri abbiamo accolto nel nostro showroom una giovane coppia di Cittadella: era appena uscita dal notaio dopo aver acquistato casa grazie al mutuo agevolato e al bonus under 36. Ci hanno spiegato velocemente che per tutto il 2022 per chi ha meno di 36 anni e un reddito inferiore a 40.000€ è possibile acquistare la prima casa, cioè quella dove si trasferirà la residenza, sfruttando la garanzia statale fino all’80% sul mutuo, oltre all’azzeramento delle imposte ipotecaria, catastale e di registro, e alla riduzione del 50% sugli oneri notarili.

Sarà stato l’entusiasmo dei ragazzi, ma anche a noi è sembrata subito una buona opportunità e ci siamo chiesti: è possibile collegarla anche per l’acquisto della nuova cucina o del nuovo arredamento? Praticamente, il Bonus giovani under 36 è compatibile con il bonus mobili?

Non abbiamo trovato articoli a riguardo e vi invitiamo comunque a rivolgervi ad un consulente fiscale (CAF o commercialista) per approfondire questi aspetti, ma proviamo a fare un semplice ragionamento: il Bonus mobili è definito anche “trainato” cioè legato ad altri bonus legati a ristrutturazione e/o risparmio energetico. Quindi una volta che si ha acquistato casa si possono iniziare lavori come il rifacimento degli impianti o l’installazione dell’impianto fotovoltaico magari collegato ad una pompa di calore, visti i continui aumenti del prezzo del gas causa guerra Russia-Ucraina.

In questo caso pensiamo si possa assolutamente ottenere anche il Bonus mobili e quindi avere un ulteriore risparmio di altri 5.000€ ripartiti in 10 anni: ricordiamo infatti che per il Bonus mobili non è possibile avere lo sconto in fattura, non per volontà di Visma Arredo, ma per le regole imposte dallo Stato e dall’Agenzia delle Entrate

Se siete under 36 e state acquistando casa potrete accedere al bonus mobili solo nel caso iniziate una ristrutturazione, ad esempio per spostare gli impianti e disporre la vostra nuova cucina come preferite, oppure se iniziate dei lavori per risparmio energetico.

Non perdete tempo! I continui aumenti che riceviamo ogni giorno e la riduzione del Bonus mobili a 2500€ dal 2023 rischiano di farvi perdere buona parte del risparmio

La Legge di Bilancio 2022 ha confermato sia il Bonus mobili fino a tutto il 2024 sempre con aliquota al 50%, sia le ipotesi del limite di spesa a 10.000€ per il 2022, ma riducendolo a soli 5.000€ per il biennio 2023-2024; una notevole marcia indietro rispetto alle grandi novità introdotte nel 2021.

Prima di tutto ricordiamo che il bonus mobili viene definito “bonus trainato” ovvero usufruibile SOLO da chi ha iniziato i lavori di ristrutturazione Superbonus 110% dal 1° gennaio dell’anno precedente alla data di pagamento dei mobili. Per questo Visma Arredo non raccoglie alcuna documentazione relativa alle pratiche edilizie, ma consiglia, anche se non è obbligatorio, di effettuare almeno un pagamento a costruttori, impiantisti o altri professionisti che lavorano all’immobile prima di pagare i mobili e l’arredamento. Per le modalità di pagamento vi invitiamo caldamente a seguire le indicazioni ben descritte nell’articolo dedicato

Ma la maggior preoccupazione non arriva da questa riduzione: dopo che il Governo ha definitivamente preso questa decisione con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, Visma Arredo sta lavorando a rafforzare le proprie partnership per calmierare i fortissimi aumenti in arrivo e mettere al riparo, per quanto possibile, i propri clienti.

Visma Arredo ha deciso di dare un’opportunità a tutti i clienti che ne faranno richiesta entro il 31/01/22 ovvero bloccare il prezzo attuale e consegnare le merci entro giugno 2022, opportunità che diamo sia a chi può usufruire del bonus mobili sia a chi inizia una nuova casa, anche con pagamenti a rate!

Chiamaci ora!

News e curiosità

Categorie e #hashtags

Desideri avere più informazioni? CONTATTACI!